martedì 5 febbraio 2019

Arriva il Piano di Valorizzazione della Bonifica, agricoltura algherese pronta a rinascere

Sarà per colpa del PPR di Renato Soru. Sarà per colpa dei sindaci di Alghero che si sono susseguiti negli ultimi anni e che non hanno adeguato per tempo i piani urbanistici comunali pensando che il PPR fosse uno scherzo temporaneo. Al di là delle colpe, ora ci siamo: la Bonifica Storica di Alghero, migliaia di ettari irrigui con potenzialità agricole enormi, sta per ripartire grazie all'imminente arrivo nell'aula di via Columbano del Piano di Conservazione e Valorizzazione. Certo non tornano i milioni e milioni di euro persi dai Piani di Sviluppo Rurale passati. Non si cancellano le aziende agricole bloccate negli investimenti strutturali, la perdita di valore delle proprietà, le famiglie spaccate e emigrate per non poter investire in strutture all'interno dei propri poderi. Tuttavia oggi è il tempo di guardare al futuro con rinnovata speranza. Il Piano di Conservazione e Valorizzazione consentirà finalmente gli investimenti infrastrutturali in agricoltura, quindi il rinnovo delle aziende agricole esistenti e la nascita di nuove realtà territoriali. Il fermento che sta vivendo l'agricoltura italiana potrà finalmente investire anche Alghero, forte di un comprensorio meraviglioso, dotato di acqua di irrigazione e palesemente esposto agli occhi di centinaia di migliaia di turisti di passaggio ogni anno. Il Piano di Bonifica sarà un risultato storico per tutti gli algheresi e una delle risposte che il territorio agricolo attendeva per sentirsi parte della comunità tutta. Non meno importante della 4 corsie o delle altre battaglie che si stanno combattendo senza colore politico.  

Tonina Desogos - Presidente del Comitato di Borgata di Maristella

Post più popolari

Usare la tassa di soggiorno proveniente dall'agro per riqualificare le borgate. Sei d'accordo?