domenica 23 maggio 2021

Il Comitato per Punta Giglio seduce Maristella

Si è tenuto oggi un proficuo e costruttivo incontro tra il Comitato spontaneo per Punta Giglio e il Comitato di Borgata di Maristella.

Da oltre 30 anni siamo impegnati per la promozione sostenibile del territorio, per la valorizzazione di quanto ivi si produce e nella difesa del bene comune.

Pertanto sosteniamo nella battaglia intrapresa il Comitato spontaneo per Punta Giglio.

Dall’incontro è emerso che la soluzione di ubicare i servizi a supporto del Parco di Porto Conte e dei visitatori non possa non essere che nelle borgate contigue a Parco stesso.

Parco che deve continuare a perseguire la sua missione a tutela e protezione di quanto esistente all’interno del suo perimetro.

Si invitano le Amministrazioni e gli Enti coinvolti a prendere in considerazione la saggia e lungimirante decisione di ubicare il solo museo a Punta Giglio mentre per gli alloggi e il punto di ristoro è disponibile il caseggiato ex scuola primaria di Maristella.

Comitato di borgata di Maristella

Il Comitato di Sa Segada - Tanca Farrà si schiera a difesa di Punta Giglio

Alghero merita di più di quello che ogni giorno viene offerto da chi ci amministra. Come Comitato di Sa Segada e Tanca Farrà, da sempre sosteniamo l'ambiente e la salvaguardia del territorio promuovendo attività di sviluppo (vedi sagre o feste di borgata) e partecipando attivamente a migliorare l'ambiente circostante nelle iniziative che si sono presentate negli anni programmate dagli amministratori di turno. Con stupore e rabbia stiamo assistendo oggi a quello che reputiamo uno sfregio riguardo Punta Giglio e non possiamo tacere o girarci dall'altra parte. Per questo motivo siamo a fianco e a supporto del Comitato spontaneo per Punta Giglio per la battaglio di chiarezza e di difesa del comprensorio che sta portando avanti nonostante il silenzio di molti amministratori locali. Crediamo, e ne siamo fortemente convinti, che il compendio di Punta Giglio debba mantenere la sua originaria destinazione naturalistica. Siamo convinti che sarebbe più utile valorizzare le borgate adiacenti al Parco, Maristella e Guardia Grande, considerata  la grande disponibilità di immobili che potrebbero mettere a disposizione  per il pernottamento (vedi alberghi, agriturismi, B&B, case vacanze e alberghi diffusi) e per il ristoro. I locali di Punta Giglio dovrebbero essere adibiti esclusivamente a solo utilizzo museale o di sosta contemplativa momentanea tra un percorso guidato e l'altro, in quegli splendidi panorami ricchi di vegetazione spontanea, animali e uccelli rarissimi che se contaminati da occupazioni a fini alberghieri o di ristoro rischierebbero l'estinzione o il reale ridimensionamento in termini numerici. E' per questo motivo che non possiamo permettere e permetterci che un altro pezzo del territorio finisca in mani private (anche se in concessione pubblica), sacrificato magari sull'altare di un indotto per la zona tutto da verificare. Crediamo infine, e sollecitiamo in tal senso  il Comune di Alghero e quindi il Parco di Porto Conte, che tutti i beni ricadenti  all'interno del perimetro del Parco (faro di Capo Caccia compreso) debbano passare al più presto nella disponibilità del Parco stesso e quindi della città e che il loro utilizzo sia finalizzato alla crescita vera e duratura del comprensorio, in simbiosi con le borgate che debbono finalmente diventare le protagoniste della ripresa economica per la città di Alghero.

Comitato Sa Segada -  Tanca Farrà

venerdì 21 maggio 2021

Amministrazione Conoci, zero euro per le borgate. Sassari ne investe 2,5 milioni.

L’Amministrazione comunale di Sassari ha avviato sei progetti per la riqualificazione degli edifici pubblici nelle borgate della Nurra per un importo complessivo di 2.500.000 di euro di fondi della Rete Metropolitana. L’obiettivo è rendere di nuovo fruibili immobili comunali attualmente in disuso o parzialmente abbandonati. Palmadula è già in corso il cantiere per la ristrutturazione e messa in sicurezza dei locali che ospitavano gli uffici comunali dell’anagrafe e delle Poste Italiane. Il secondo stralcio dei lavori riguarderà la ristrutturazione della restante parte dei locali. È stato già approvato il progetto esecutivo ed è in corso la procedura per l’affidamento dei lavori. L’importo complessivo del finanziamento è di 250mila euro. A Campanedda gli edifici interessati sono quelli in cui si trovano gli uffici delle Poste Italiane, il circolo e il centro sociale. È stato affidato l’incarico di progettazione per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo, per un valore totale dei lavori di 500mila euro. A Villassunta gli immobili che saranno oggetto di restauro e riqualificazione sono l'ex centro sociale e la ex scuola elementare (dove attualmente ha sede il seggio elettorale e l'ambulatorio medico). Il Comune ha già affidato l’ incarico di progettazione per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo. L’importo del finanziamento è di 350mila euro. Nella borgata di Villassunta inoltre sono quasi terminati i lavori di ristrutturazione riguardanti parte dell’ex centro sociale finanziati con il bilancio partecipativo delle borgate. Sono in fase di completamento anche le operazioni per gli allacci delle utenze Abbanoa ed Enel. A Tottubella gli interventi riguardano l'ex centro sociale, la ex scuola elementare e l'ex mercato. È stato affidato l’incarico di progettazione per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo, per un importo complessivo di 800mila euro. A La Corte, con 300mila euro a disposizione, sarà rimessa a nuovo l’ex scuola elementare, oggi dismessa. Anche in questo caso è stato affidato l’incarico di progettazione per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo. Anche a Biancareddu, sempre per 300mila euro, gli interventi riguardano la ex scuola. È stato affidato l’incarico di progettazione per la redazione del progetto definitivo ed esecutivo.

E Alghero? Non abbiamo notizie di progettualità presenti o future che riguardino i nostri centri rurali abbandonati. Solo passerelle da parte di questa Amministrazione comunale. Siamo basiti.


Antonio Zidda - Presidente Comitato di Borgata di Sa Segada - Tanca Farrà

Tonina Desogos - Presidente Comitato di Borgata di Maristella

Giuseppina Congiu - Ex Presidente Comitato di Borgata Guardia Grande - Corea

giovedì 20 maggio 2021

Serve coraggio per il Parco di Porto Conte, mobilitiamoci!

Le naturali porte di accesso al Parco di Porto Conte sono le borgate di Maristella e Guardia Grande, punti oltre i quali potrebbe essere vietato l'ingresso ai veicoli non autorizzati, con particolari accorgimenti per residenti, ospiti delle strutture ricettive esistenti e categorie speciali. Nelle due borgate dovrebbero essere attivati i servizi di noleggio biciclette, veicoli elettrici e tutti gli altri servizi connessi alla fruizione sostenibile del comprensorio: parcheggi, foresterie, negozi di prodotti locali, souvenir, attività escursionistiche organizzate, ecc. Maristella e Guardia Grande sarebbero finalmente valorizzate per il loro potenziale. Non più quindi le lunghe code estive di veicoli inquinanti, le attese, i parcheggi selvaggi. Immaginate gli autobus estivi elettrici che fanno la spola tra le attrazioni del parco. Immaginate quanti posti di lavoro creati. Fantascienza? No, situazioni sperimentate con enorme successo nelle più blasonate destinazioni turistiche naturalistiche del pianeta. Limitazioni apparenti che vengono interpretate dai turisti come un grande valore aggiunto. Servono però studio, visione e coraggio. Cose che ad Alghero si sono perdute da qualche decennio.

Tonina Desogos - Presidente Comitato di Borgata di Maristella

mercoledì 12 maggio 2021

Maristella, STEP invia cartelle pazze

Incredibile che in questi tempi in cui la stragrande maggioranza dei cittadini è attanagliata da una crisi economica derivata da una pandemia mondiale, dalla Step incaricata dal Comune di Alghero per la riscossione dei tributi Comunali giungano cartelle per importi non dovuti. A Maristella, borgata del comune di Alghero, ad esempio sono arrivati avvisi di pagamento relativi agli anni 2018 e 2019, per “passi carrai” fantasma ubicati in zona “Cooperativa Stella Maris”.

Sebbene si ritenga che in caso di tassa dovuta sarebbe dovere di tutti i cittadini pagare il dovuto, seppur con modalità e tempi più lunghi visto il periodo di crisi economica, altrettanto in caso di tassa palesemente non dovuta, Comune e Step dovrebbero, a nostro modesto avviso, intervenire prontamente e porre rimedio, magari dopo un’attenta lettura del Regolamento per la disciplina dei passi carrai approvato con delibera n. 33 del 30/3/2019, nello specifico art. 3, comma 1, punto 3 che descrive le caratteristiche del passo carraio che non sono il semplice smusso del cordolo dei marciapiedi,  se lo stesso smusso non porta a box e/o autorimesse, ovvero locali di categoria catastale C6.

Tonina Desogos

Presidente Comitato Borgata Maristella

Post più popolari