mercoledì 20 luglio 2016

Fauna selvatica in eccesso, interviene Coldiretti

Fauna selvatica, nelle campagne del nord Sardegna è allarme

Cinghiali oramai di casa a Maristella
Cresce la rabbia del mondo agricolo, la fauna selvatica continua a provocare ingenti danni e gli imprenditori sono esasperati. La Coldiretti chiede con forza la riforma dell’attuale disciplina.

Il numero delle segnalazioni legate al problema della fauna selvatica è in costante crescita e in tutti gli uffici Coldiretti del nord Sardegna si susseguono le telefonate degli imprenditori agricoli esasperati dall’assenza di contromisure adeguate. Si tratta di un problema trasversale che colpisce tutti i settori dell’economia agricola, dall’allevamento fino alla pesca, e che durante il periodo estivo coinvolge anche le aree turistiche costiere.

Il problema della fauna selvatica è avvertito non solo nel nord Sardegna ma in tutto il territorio nazionale. Da una recente analisi della Coldiretti, diffusa in occasione della manifestazione di protesta degli agricoltori e degli allevatori di Ancona che hanno manifestato con l'hashtag #bastacinghiali,  è emerso che i cinghiali presenti siano più di un milione con una diffusione che ormai si estende dalle campagne alle città. «Negli ultimi dieci anni – sottolinea la Coldiretti - il numero dei cinghiali presenti in Italia è raddoppiato passando dai 500mila del 2006 al milione del 2015».

«La proliferazione senza controllo della fauna selvatica sul territorio nazionale – afferma Ermanno Mazzetti, direttore della Coldiretti Sassari e Gallura –  mette  rischio la sicurezza nelle aree rurali e nelle aree urbane. La presenza così massiccia di cinghiali e degli altri animali sta causando la distruzione dei raccolti agricoli, lo sterminano degli animali allevati e un numero crescente di incidenti stradali per un danno totale stimato attorno ai 100 milioni di euro. Non si tratta di una mera questione di risarcimenti ma è diventato un fatto di sicurezza delle persone e della vita nelle campagne. La nostra federazione si unisce alla richiesta avanzata dalla Coldiretti – conclude Ermanno Mazzetti – e chiede con forza la stesura di una riforma della disciplina che garantisca l’indispensabile sopravvivenza delle aziende agricole, lo snellimento della burocrazia e la tutela del reddito a fronte di procedure certe per il risarcimento dei danni».

Per cercare di aumentare le tutele a vantaggio degli agricoltori, la Coldiretti Sassari e Gallura ricorda a tutti gli associati l’importanza della denuncia, passaggio necessario per poter richiedere in un secondo momento l’abbattimento degli animali pericolosi.

Post più popolari

Usare la tassa di soggiorno proveniente dall'agro per riqualificare le borgate. Sei d'accordo?