Usare la tassa di soggiorno proveniente dall'agro per riqualificare le borgate. Sei d'accordo?

sabato 26 agosto 2017

Crescono le eccellenze nella Bonifica algherese: la storia della famiglia Deriu

Raccontiamo oggi dell'impegno, del lavoro e del sacrificio messi in campo nella Bonifica storica di Alghero, nello specifico in quella Borgata denominata Corea dove la famiglia Deriu, della quale parleremo oggi, ha vissuto e vive. I genitori, originari di Illorai e Montresta, arrivano ad Alghero negli anni 60. Mamma, maestra d'asilo prima e segretaria all'istituto d'arte poi, seguiva insieme al marito l'attività commerciale del bar della Borgata di Guardia Grande dove i tre figli, Sergio, Dario e Massimo, sono nati e cresciuti. Nel 1987, dopo una lunga malattia, la mamma venne a mancare. I tre figli rimasero soli con il padre che decise di vendere il bar per avviare l'azienda agricola tanto sognata anche dalla sua sposa. Acquistando un vecchio casale della riforma agraria con annessi 8 ettari incolti diedero vita all'azienda, valorizzata nel proseguo degli anni acquistando anche le quote vigna della Cantina di Santa Maria la Palma. In quel periodo tutti abbandonavano le campagne per lavorare altrove mentre quel che restava di quella famiglia decise, in controtendenza, di investire con innata lungimiranza in un'impresa  agricolo/turistica. Così successe che nel 1993 si portarono a termine i primi lavori di ampliamento della casa padronale e nel 1999 vennero ultimati i caseggiati attorno al corpo centrale.

Con fatica e dedizione i tre fratelli e il loro padre si impegnarono per far crescere l'azienda ma nel 2011, in un incidente motociclistico, scomparve uno dei ragazzi, Sergio. Seguirono anni difficili e da quelle difficoltà nacque, in uno dei due fratelli rimasti, l'idea di dedicarsi esclusivamente all'offerta di ospitalità, con la decisione di iniziare l'attività di albergo diffuso attuata in alcune camere della villa.

Le parole di Dario, attuale gestore del B&B Sa Branda, descrivono meglio il vissuto "In quegli anni papà Dino stava cedendo l'eredità ai figli e insieme al mio mio fratello più piccolo, Massimo, che da 10 anni abitava in Olanda, decidemmo di aprire una società. Chiesi aiuto a tre banche per avviare una piccola startup ma tutte risposero picche. Allora decisi di iniziare investendo tutti i piccolissimi risparmi che avevo per quella che doveva essere la mia struttura ideale, il mio lavoro e il mio futuro. Il primo anno andò molto bene e reinvestii gli introiti derivanti dall'attività per migliorare i locali. Ogni anno andò sempre meglio fino ad arrivare a oggi. Furono cinquemila gli euro del primo investimento ma per me fu come averne spesi cinquantamila. Nonostante i disagi e i disservizi  che l'area di Alghero - Porto Conte ha da sempre avuto ho ottenuto, con il duro lavoro, risultati ottimi trovando il tempo anche per l'impegno sociale per il territorio a salvaguardia e valorizzazione del bene comune. La nostra struttura "Sa Branda", arredata con gusto e arricchita con prodotti dell'artigianato sardo è stata inserita nella Guida ai sapori e piaceri della Regione Sardegna 2018 pubblicata dal quotidiano la Repubblica. Questo risultato, che mi riempie di orgoglio, è frutto della continuità di un lavoro iniziato negli anni 70 dai miei genitori unito al fatto di essere figli di questa amata terra di Sardegna. Entrambe le cose mi rendono fiero aiutandomi a continuare a lottare per quello in cui credo".

Abbiamo, e lo faremo altre volte,  semplicemente  deciso di descrivere storia e impegno di una famiglia delle borgate algheresi sorte con la riforma Agraria Sarda. Famiglie che in modo pionieristico hanno accettato la sfida di investire nei poderi della Bonifica. Quei nonni e quei genitori non hanno avuto niente gratis e ora lasciano il passo alle nuove generazioni con idee e sogni nuovi da realizzare con competenza e amore per il territorio. Ci si augura che la politica sappia finalmente dare risposte alle loro legittime richieste di valorizzazione per un territorio in cui convivono tante piccole realtà produttive, panorami invidiabili e spiagge e natura incontaminata, innegabili attrazioni e volano per l'economia algherese.

Post più popolari